Come uccelli che attraversano in volo la Terra

Un respiro che canta, un tremito nel vento. Una storia segreta, che di segreti vive. Perché è proprio ciò che sta nell’ombra che chiama col suo sussurro flebile. Prestategli orecchio.

È il frusciare di gigantesche e piccole piante fungine. Esse producono miasmi: se un umano li respirasse senza maschera, il suo battito cesserebbe in breve. Esse sono il Mare della Putrefazione: una foresta che copre la maggior parte della terra conosciuta, popolata da grandi insetti e, tra di essi, vi sono gli Ohmu dagli occhi turchesi, ma che la furia tinge di cremisi. Essa è nata mille anni fa, a seguito dei Sette Giorni di Fuoco, durante i quali enormi Dei Guerrieri creati dall’uomo hanno distrutto ogni cosa, inquinando il pianeta e rendendolo inabitabile.

Il vento si muove, un mehve attraversa il cielo, guidato da Nausicaä, la principessa della Valle del Vento, al confine con quel Mare. In lei gridano le voci di rabbia degli Ohmu, le segue, trovando una nave di profughi che precipita. Sono della città di Pejite, distrutta dalle truppe di Tolmekia che dovevano esserle alleate, a causa di ciò che vi è stato trovato: un Dio Guerriero ancora intatto. Nonostante nel suo cuore odi la morte, quella data per nulla, la guerra attende Nausicaä al posto del padre, sotto il comando tolmekiano e contro l’Impero di Dorok. Il suo viaggio ha inizio, i segreti l’attendono.

Nausicaä della Valle del vento

Uno è quello del Mare della Putrefazione, il cui scopo, nascosto nelle profondità, è quello di purificare la terra, l’aria, l’acqua. Alcuni lo sanno, hanno rinunciato al fuoco; sono gli Uomini della Foresta, e vivono in armonia con essa e i suoi abitanti.

Uno è il cuore degli Ohmu, che nessun umano è riuscito a raggiungere, poiché significherebbe esserne inghiottiti, o lasciare il proprio Spirito ai suoi confini.

C’è quello degli umani, di come possano sopravvivere in un mondo così inquinato, racchiuso in una cripta oscura a Shuwa, contenente le tecniche degli antichi.

Un altro è in un giardino invisibile, dove abitano anime umane in forma di animali e dove sono custodite musica, letteratura e poesia. Dove l’aria è pura, e si attende la fine dell’era della Purificazione, per poter essere il seme che riporterà alla vita il mondo.

Nausicaä della Valle del vento

Ognuno di essi converge , dove la foresta è nata, un luogo che l’anima ha lasciato per non inquinarlo, quando l’ha attraversato lasciando l’abisso. Perché quando il Mare della Putrefazione avrà svolto il suo compito, l’umanità si estinguerà. Questo è il destino che attende, ciò che gli antichi umani hanno lasciato, per poter tornare a vivere in un pianeta puro, che coloro che lo abitano ora non potranno vedere.

E verrà il tempo di scegliere, osservando la terra venir ricoperta dal Mare, sul lido dove chi scruta le tenebre ne viene scrutato a sua volta, sopra a quel che pare un campo dorato, indossando vesti tinte di blu dal sangue degli Ohmu, cavalcando il vento con ali bianche. Col potere di un Dio Guerriero, la forza degli Spiriti che ci accompagnano, rinnegheremo la purezza, sceglieremo ciò che rende umani, sperando nella vita.

Qualcosa dentro di me richiama con impeto il paesaggio che ho visto quel giorno… Il luogo nel quale la foresta finisce, il luogo nel quale tu mi hai condotto. […] Anche se i nostri corpi non saranno in grado di tollerare tanta purezza, anche se nell’istante in cui vi saremo esposti i nostri polmoni cominceranno a espellere sangue, noi vivremo e vivremo ancora, come gli uccelli che attraversano in volo la Terra.


Nausicaä della Valle del vento

Titolo: Nausicaä della Valle del Vento

Autore: Hayao Miyazaki

Pubblicazione: febbraio 1982 – marzo 1994 (raccolta poi in sette volumi)

Grafica
È una creatura invernale nata al limitare della primavera, che vivrebbe di boschi, pioggia e cielo stellato. Perennemente alla ricerca dell'anima delle cose, dorme con un piccolo drago, nasconde un violino nell'armadio e ha il potere di riuscire a passare inosservata ovunque si trovi.

YOU MAY ALSO LIKE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *